Cerca
Close this search box.

Marketing: queste cose non funzionano più nel 2023

Indice

Esistono ancora oggi dei falsi miti del marketing che non aiutano le aziende, di tutti tipi, a crescere sul web, trovare nuovi clienti e quindi di conseguenza aumentare il fatturato. Tra questi ho raccolto quelli che sono:

  • Più frequenti
  • Che portano un impatto negativo su tutta la tua comunicazione
  • Che sono facili da sistemare

 

Sto parlando di tecniche di marketing ancora oggi molto utilizzate ma che in realtà non portano risultati. Sono cose che vedo spesso ma non funzionano più e se le stai facendo anche tu continua a guardare questo contenuto.

Riguardano la gestione e il tempo che dedichi ai tuoi canali social, la creazione di contenuti efficaci e come trovare una strada da seguire togliendo dubbi e paure.

Perché alcune cose non funzionano nel marketing digitale

Il mondo del marketing sta diventando sempre più complesso e le persone sono sempre più esigenti rispetto ai prodotti e ai servizi che acquistano. Inoltre, il modo in cui le persone interagiscono con le aziende sta cambiando. I clienti di oggi vogliono essere coinvolti e ascoltati e cercano sempre più relazioni autentiche con le marche.
Di conseguenza, alcune tecniche di marketing non funzionano più. Ad esempio, gli spot pubblicitari televisivi non riescono più a catturare l’attenzione dei consumatori come un tempo. Inoltre, gli utenti di oggi hanno il grande potere di poter scegliere cosa vedere e cosa no con un semplice gesto sullo smartphone, il che significa che le tecniche considerate spam e la comunicazione impersonale non funzionano più.

Non pianificare il tuo marketing

Un errore comune che molte aziende commettono nel marketing è quello di non pianificare con cura le loro campagne. Molti credono che il marketing sia un’attività facile e che postando qualcosa ogni tanto basti per ottenere risultati.
Per avere successo nel marketing, è essenziale pianificare con attenzione. Significa comprendere il pubblico di destinazione, creare un piano di marketing personalizzato per quel pubblico e utilizzare strumenti di analisi per monitorare i risultati e apportare modifiche. Pianificando riesci a essere costante sui canali che hai scelto, creando un rapporto personale con gli utenti che ti seguono un contenuto dopo l’altro.
Se non hai mai pianificato niente puoi risolvere subito la situazione: con una semplice consulenza posso mostrarti come levigare una strategia che porti risultati nel lungo periodo, pianificando e programmando ogni singola azione.

Non mettere il cliente al centro

Un’altra ragione per cui alcune campagne di marketing non funzionano è perché le aziende non mettono il cliente al centro delle loro attività. Molte aziende si concentrano esclusivamente sui loro prodotti o servizi, senza preoccuparsi delle esigenze e delle aspettative dei clienti. Senza preoccuparsi del fatto che ora non conta più il prodotto ma l’esperienza che ho con il prodotto e con la marca.
Le aziende di successo, grandi o piccole, mettono il cliente al centro di tutte le loro attività di marketing. Il che significa ascoltare i feedback dei clienti, personalizzare le offerte e creare esperienze uniche per ogni singola persona, sapendo raccontare qual è il beneficio reale. Quando i clienti si sentono ascoltati e compresi, sono più propensi ad acquistare e a raccomandare il tuo nome, prodotto o servizio ad altri.
Ricorda che il freddo consumatore che acquista secondo esigenza non esiste più: la fuori ci sono persone con un proprio contesto personale, delle emozioni e vogliono essere coinvolte.

Slogan: perché non funzionano più

Un’altra cosa che non funziona più sono gli slogan. Basta, ti prego, usare frasi a effetto! Nonostante nelle aziende e nel pensare comune delle attività siano ancora molto presenti. Frasi come “E’ il prodotto giusto per te!” Oppure “E’ il prodotto pensato apposta per te” e così via puzzano di bruciato.
Ma dai davvero tu che vendi qualcosa credi che sia fatta apposta per me? Chi lo avrebbe mai detto!
E’ da decenni ormai che siamo abituati a sentirli o vederli: alla tv, in radio, stampati grandi sui manifesti.
Gli slogan sono ancora utili, quando sono studiati bene e innestati in una buona campagna di marketing. Da soli non bastano. Molto meglio sfruttare più messaggi che le persone possano sentire sulla pelle: devi far capire qual è il vero vantaggio che porti.

Ti faccio un esempio per farti capire la differenza:

“Questo è il prodotto pensato apposta per te” non spiega al cliente come può risolvere il suo problema.

“E’ un prodotto studiato insieme alle aziende come la tua per raggiungere gli stessi risultati in meno tempo e con meno errori” dà un’immagine chiara e affronta dubbi e paure del tuo cliente.

Fare tutto da soli

Arriviamo ora all’errore di tutti gli errori. Quello che non solo non ti aiuta a levigare una strategia che funziona o intagliare post efficaci ma ti fa perdere tempo nella convinzione di star facendo giusto: fare tutto da solo.

Hai mai provato a creare qualcosa con le tue mani, non raggiungere il risultato e pensare di aver buttato via tempo, soldi e serenità?

Ecco la stessa cosa vale nel marketing. Per raggiungere lo scalino superiore devi farti dare una mano da qualcuno a cui delegare la comunicazione o che ti aiuti e faccia da guida per capire cosa sta facendo giusto e cosa migliorare.

Questo vale sia se lavori in proprio o hai una piccola attività, oppure se hai una grande azienda con un ufficio marketing.

I vantaggi principali sono 4:

  • Hai uno sguardo esterno: che ti aiuta a capire come le persone percepiscono i tuoi messaggi, evitando di fare sempre gli stessi errori senza accorgertene.
  • Hai nuove idee: che seguendo tutto il processo di creazione dei contenuti riesce a darti idee nuove e suggerimenti.
  • Hai qualcuno di cui poterti fidare: per capire se il percorso che stai seguendo è quello giusto, se c’è qualcosa che puoi fare in più o addirittura se puoi togliere, smussare, cose che non ti servono.
  • Hai uno sguardo esterno: questo vale un po’ per tutti ma sopratutto per le aziende che si appoggiano a un’agenzia di comunicazione. Avere un consulente che una volta ogni tanto segue e analizza l’andamento delle attività di marketing permette alle aziende di capire se queste stanno portando davvero dei risultati.

In conclusione

Se stai facendo anche solo 1 degli errori che abbiamo visto non ti preoccupare: c’è sempre tempo per correggere il tiro e smussare le cose che non vanno.
Ritaglia dei momenti per pianificare le attività di marketing in modo da non dover sempre rincorrere il tempo e magari poter delegare qualcosa.

Metti il cliente al centro: non è più un semplice consumatore. Vuole essere visto, capito e soprattutto capire quale beneficio concreto può avere da te.

Smettila di pensare che gli slogan o le frasi a effetto abbiano un impatto significativo e ti portino a raggiungere risultati. Meglio dare più messaggi mirati e chiari per raccontare alle persone quali impatto positivo puoi portare nel loro lavoro o nelle loro vite.

Come ultima cosa: fatti dare una mano! A volte basta un breve percorso per capire se la strada è quella giusta o se devi levigare qualcosa, altre volte puoi scegliere di delegare alcune o l’intera attività di marketing.
Se hai un’azienda un consulente ti aiuta a capire se l’agenzia sta facendo un buon lavoro o semplicemente mettendo il pratica il pacchetto preconfezionato che non porta risultati.

Se ti sei visto in una di queste situazioni o hai dubbi scrivimi. Ci mettiamo intorno al banco da lavoro e capiamo cosa levigare per salire allo scalino un po’ più alto rispetto a dove sei ora.

 

Ti potrebbe interessare anche:

Ti è piaciuto l'articolo?

Iscriviti alla newsletter.
 
Niente spam. Condivido con te la mia esperienza da falegname digitale. Per raccontarti storie concrete e suggerimenti da mettere in pratica

Scrivimi o fammi una domanda

Scrivimi

Seguimi sui social