Usa Instagram come un professionista

Ormai da un po’ di tempo Instagram ha permesso ai propri utenti di avere delle statistiche e dei dati da leggere. Proprio come succede con Facebook, che ha acquistato il social fotografico qualche mese fa, siamo in grado di vedere quali sono i post più popolari, quante volte è stato visitato il nostro profilo e tanto altro. Tutte queste informazioni ci permettono di capire se la nostra presenza sul social dà gli effetti sperati, oppure se stiamo impiegando il nostro tempo e le nostre energie nel modo sbagliato.

Fai il profilo aziendale

Profilo Aziendale InstagramPer avere i dati devi per forza trasformare il nostro profilo personale in aziendale. Tranquillo, il passaggio è breve e non cambia niente. Per farlo basta andare nelle impostazioni e cercare “Passa al profilo aziendale” e seguire le istruzioni che ti faranno scegliere un pagina Facebook da collegare, che tipo di azienda sei e informazioni di contatto. Ora non solo puoi vedere i dati, ma chi visiterà il tuo profilo può contattarti con un semplice tocco sullo smartphone.

Nell’immagine sotto puoi vedere: in rosso l’accesso ai dati, in blu il pulsante per i contatti e in giallo il tipo di attività.

profilo Instagram Matteo Zangrandi

 

Leggiamo i dati

Dati InstagramLa prima schermata presenta i dati degli ultimi sette giorni, in confronto a quelli della settimana prima con:
numero di visualizzazioni totali:  Numero di volte in cui i post sono stati visti;
copertura: utenti unici che hanno visto le tue foto;
visualizzazioni di profilo: questa è semplice, quante persone hanno visto il tuo profilo;
click sul sito web: anche questa è semplice no?

Post più popolari: indica quali sono le foto più visualizzate negli ultimi sette giorni;

follower: ti dice quando le persone sono più attive durante il giorno. In questa immagine posso capire che di martedì i miei follower lo sono di più alle 18:00 e alle 21:00;

 

 

 

 

Andiamo nel dettaglio

Post popolari

Post popolari InstagramCome sempre l’indicazione è su sette giorni. Se vuoi avere più informazioni ti basta toccare “visualizzazioni” per scegliere quali tipi di contenuti vuoi vedere, capendo quali sono i post che hai condiviso che  piacciono di più ai tuoi follower.
Si può scegliere anche il periodo della condivisione: da 7 giorni fino a 2 anni.
In questo modo puoi sapere se stati puntando sui post giusti o se conviene che cambi e condividi altre foto.
Clicca sulla foto per ingrandirla e vederla meglio.

 

 

 

Conosci i tuoi follower

Sapresti dire con un colpo d’occhio chi ti segue, dove abita e che differenza c’è tra loro? Se hai pochi follower probabilmente, se ne hai un centinaio forse sì, di più diventa molto difficile. Per fortuna Instagram ci dà questi dati che ti possono essere molto utili.
Conosci i tuoi follower su instagramCome vedi si puoi capire chi ti sta seguendo, qual è la sua età e da dove guarda i tuoi post (il grafico sui giorni lo vediamo dopo). Hai un’attività rivolta a persone tra i 40 e 50 anni a Torino e ti seguono i 25enni di Piacenza? C’è qualcosa che non va. Il tuo profilo Instagram mostra il tuo lavoro da estetista e ti seguono solo uomini? Vuol dire che con le tue foto stai allontanando una parte del tuoi possibili clienti. Nel mio caso mi seguono persone che abitano a Piacenza e in provincia, con la percentuale maggiore di età tra i 24 anni e i 54, proprio il target a cui mi rivolgo. Non mi interessa avere migliaia di follower che abitano chissà dove e poi non compreranno mai i miei servizi.

Quando è meglio postare?

quando postare su instagram

Adesso che abbiamo capito cosa postare e se stiamo condividendo le foto giuste, come facciamo a sapere quando postare? Toccando su < e su > possiamo vedere in quale ora del giorno, per i giorni della settimana, è meglio postare. Nel mio caso se voglio pubblicare di martedì è meglio che lo faccia alle 13:00, alle 18:00 o alle 21:00.  Visto l’ora è credibile che io metta su Instagram una foto del mio lavoro durante il pomeriggio e non la sera. Inoltre va considerato che i post su questo social hanno un “tempo di scadenza” molto più alto che in altri social. Le persone infatti vedono le nostre foto anche 12 ore dopo che sono state pubblicate.

Valutiamo una singola foto

dati_singola_foto_instagram

Facciamo un attimo chiarezza su questi dati che Instagram ci fornisce. Ogni grafico e numero che il social ci dà, tende a essere messo in una visione globale di come lo stiamo utilizzando. Sotto ogni foto però ci permette di scoprire nuovi dati. Questa statistica riguarda quel singolo scatto. Quindi vuol dire che:

Visualizzazioni: 234 volte questa foto è stata vista. Potrebbe anche essere mostrata più volte alla stessa persona;

Copertura: profili singoli che hanno visualizzato lo scatto;

Iterazioni: somma tra commenti e like (o cuori in base a come li volete chiamare) lasciati sulla foto.

 

 

 

 

 

Conclusione

Instagram tende a essere come Facebook nella quantità e nella qualità di dati, per facilitare le aziende che investono il loro tempo sul social. Così come per FB se vogliamo monitorare, migliorare o gestire la nostra strategia non possiamo fare a meno di utilizzare il profilo dedicato alle aziende, per avere tutti gli strumenti necessari per crescere. Se non avete ancora convertito il vostro profilo, e pensate possa essere utile, fatelo. I dati sono importanti, comodi, utili, fondamentali.

Comments 0

Lascia un commento