Cos’è un hosting e perché ti serve (per forza)

Ad agosto – come già detto – abbiamo approfittato dei ritmi lenti per programmare un rientro organizzato, che ci lasciasse il tempo di portare avanti i lavori aperti, senza però perdere di vista il blog; scrivere, condividere esperienze e conoscenze e confrontarsi è qualcosa che non dovrebbe mancare in un mestiere come il nostro. Si tratta pur sempre di comunicazione, no?!
Lo strumento fondamentale per garantire una certa regolarità alle pubblicazioni e fare dei nostri intenti una concretezza di cui andare fieri è certamente il calendario editoriale; personalmente qui in Red Coffee si usa Google Calendar, ma è possibile anche realizzarne di super personalizzati a mano, con colori, washitape, adesivi e tutto il resto. L’importante è avere le idee chiare, perché le idee “vanno aiutate”, diciamo [ma magari di questo parleremo in un post dedicato, in cui ragioneremo su come e perché realizzare un calendario editoriale, che ne dite?]

Tra gli appuntamenti fissi in programma, oltre alla rubrica mensile TestApp! Le app usate con la testa ogni due settimane sarà online un articolo tecnico, in cui si parlerà di un argomento da addetti ai lavori o aspiranti tali. Parleremo sia di concetti basilari che di questioni più specifiche e particolari; sentitevi liberi di fare domande di qualsiasi tipo e di proporre argomenti da trattare, ricordatevi che molto probabilmente, come accade anche nei corsi, il vostro dubbio è comune a molti altri!

Iniziamo quindi parlando di….Hosting!

Prima di partire voglio fare una piccola precisazione: se tu che stai leggendo, sai cosa sia un server, uno switch, un router, ecc… troverai delle semplificazioni che poteranno con sè piccole imprecisioni. Semplificare però è importante per far capire a tutti il contenuto di questo post.

Usando una traduzione non troppo corretta, l’hosting si potrebbe chiamare “ospitante”. E chi ospita? Semplice: il nostro sito. Per le regole della rete Internet non possiamo far accedere altre persone a un sito fatto sul computer di casa (semplificazione livello 100). Per questo motivo abbiamo bisogno di qualcuno che ci ospiti e ci dia gli strumenti per far “girare il nostro sito”.

come è fatto un sito

Guardate l’immagine qui sopra, un sito web realizzato con WordPress è fatto principalmente di 3 componenti:

Database: l’insieme delle informazioni. Dalla password che usi per accedere, al testo inserito negli articoli.

Servizi: tutto ciò che serve per far navigare gli utenti sul sito o mandare e-mail.

Spazio su disco: lo spazio che permette il salvataggio dei file. Scarica l’ultima versione di WordPress: i file contenuti nello zip sono gli stessi che sta usando il mio sito. In più ci sono le immagini, i video, i pdf, ecc…

In più l’hosting riesce a farsi dare dalle autorità competenti (anche online esiste la burocrazia) il nome del dominio, cioè quel nome che scegliete voi e che sta il www e  il “punto qualcosa” (che sarebbe poi l’estensione).

estensione dominio web

Dopo il .it potrebbe esserci .com, .eu o qualsiasi altra estensione accettata.

L’hosting ospita i file, ti fornisce i servizi, ti garantisce uno spazio su disco e riesce a far funzionare tutte queste cose insieme. Realizza anche una cosa molto importante: mette il tuo sito online. Permette alle persone che digitano www.tuosito.it di trovarlo. Ecco perché ti serve per forza.

Come funziona un hosting

 

Vi faccio un esempio pratico: per accedere a questo articolo avete cliccato o digitato un link. Internet vi ha diretto, come farebbe un navigatore del web, su questo sito. Il servizio di hosting vi ha aperto la porta per leggere l’articolo, ha caricato il testo (dal database), le immagini (dal disco fisso) e grazie ai suoi servizi vi ha permesso di vedere il tutto impaginato per bene.

Ok, ora sappiamo cos’è un hosting e a cosa serve. Ci sono molte aziende, sia in Italia che all’estero, che offrono servizi di questo tipo. Il loro nome è “Provider” e la qualità e caratteristiche del servizio che vi offrono dipendono anche dal loro costo. Come valutare e capire quale sia il servizio di hosting ideale per noi lo vedremo nel prossimo post.

Se hai dubbi o domande, oppure lasciare un’opinione, scrivi pure un commento qui sotto.

Comments 0

Lascia un commento